Buona parte delle App solitamente utilizzate o create appositamente per gli eventi, hanno requisiti di banda ragionevoli: ossia, in generale, devono trasmettere semplicemente immagini o testo (post sui social, messaggi, form di registrazione).

Ci sono però anche situazioni in cui è richiesto un uso intensivo di Internet.

È questo ad esempio il caso di videoconferenze, streaming e/o video in diretta su Facebook o YouTube. In tali occasioni i requisiti di banda diventano decisamente più impegnativi.

Nello screenshot qui sotto si può vedere distintamente il picco di utilizzo della connessione avvenuto in corrispondenza della connessione in videoconferenza di un utente.

wifi-for-dummies-5-dati-streaming

COME CALCOLARE LA BANDA NECESSARIA PER VIDEO E STREAMING

Si vede bene che a quel punto l’utilizzo di banda ha raggiunto i 6 Mbps, una dimensione che spesso è comparabile con il famoso speedtest di cui parlavamo nell’articolo precedente.

Se la banda disponibile è di pochi Mbps, bisognerà fare molta attenzione all’utilizzo che verrà fatto della rete; e anche in situazioni di banda maggiore (esistono location dove si raggiungono i 50-80 Mbps in download) bisogna sempre ricordarsi che ogni utente collegato in video utilizzerà ulteriore banda.

20 utenti che sono collegati in video e usano 1Mbps ciascuno (necessario per trasmettere/ricevere un video in HD) occuperanno complessivamente 20 Mbps.

IL TUO PEGGIORE NEMICO: IL DOWNLOAD AUTOMATICO

C’è inoltre un aspetto che spesso viene trascurato e che può però creare dei problemi rilevanti. La maggior parte degli smartphone ha un’impostazione attiva per cui quando il dispositivo si collega ad una rete Wi-Fi verifica se ci sono aggiornamenti per le App installate e, se disponibili, li scarica immediatamente, senza neppure avvisare il proprietario del telefono. A causa di questa impostazione può accadere, in maniera totalmente non controllabile prima dell’evento, che al momento di collegarsi alla rete WiFi eventi, i device siano responsabili di traffico non previsto. In qualche evento abbiamo visto picchi di download di diversi Gigabyte nella fase di prima connessione. Purtroppo non esiste un sistema per impedire dall’esterno il download automatico, ma esistono Access Point di livello Enterprise (quelli suggeriti nell’articolo dedicato alla selezione degli access point) che hanno funzioni avanzate di selezione e blocco del traffico tramite le quali è possibile inibire l’accesso a iTunes o Google Play dalla Wi-Fi. Tuttavia, spesso, anche se le feature sono disponibili, il personale tecnico della location non è addestrato ad attivarle e quindi risulta impossibile bloccare questo genere di traffico. La soluzione in questo caso sta nell’appoggiarsi ad una rete WiFi per eventi, creata appositamente, come vedrai nel prossimo articolo.
GUIDA GRATUITA

Wifi per i tuoi eventi

Guida WiFi per i tuoi eventi è il nostro manuale completo sulle reti WiFi, da come sono fatte a quale scegliere per il tuo evento, fino a come crearne una ad hoc.

ARTICOLI CORRELATI

ECCO UN ALTRO ARTICOLO PER TE

“WI-FI FOR DUMMIES” VOL.6 | COME REALIZZARE AD HOC LE RETI WIFI PER EVENTI

Gestire con attenzione tutti i dettagli della tua WiFi per eventi, potrebbe non bastare per garantire la connessione. Devi adottare reti ad hoc: scopri perché.

Vuoi dare un'occhiatina ai nostri social?
Ci trovi qui.